Giaveno

A Giaveno arriva la Ztl “leggera”, telecamere già installate ma non ancora attive

0

Sono spuntate delle telecamere nel centro di Giaveno. Sono quelle della Ztl che l’amministrazione ha fortemente voluto per una migliore regolamentazione del traffico e degli accessi. Per il momento però non sono attivi i nuovi occhi elettronici e non lo saranno forse per i prossimi sei mesi. Nel frattempo saranno utilizzate per fare videosorveglianza.

“Sarà una Ztl molto leggera che interverrà soltanto su alcune ore serali di alcuni giorni specifici, in particolare venerdì, sabato e domenica”, evidenzia il consigliere delegato alle Opere Pubbliche e alla Polizia Urbana, Marco Carbone, seguito dal sindaco di Giaveno, Carlo Giacone, che ha spiegato le motivazioni: “Il motivo per la chiusura in alcuni orari e giorni è la valorizzazione del centro storico con le sue bellezze architettoniche e come luogo privilegiato per le passeggiate e per lo shopping. Già ora si chiude comunque in occasione di alcune manifestazioni”.

In totale le telecamere per la Ztl sono tre, quelle utilizzate per la videosorveglianza sei. E prima di entrare in azione e iniziare a multare gli automobilisti indisciplinati l’amministrazione dovrà fare adeguati incontri di formazione sia con i giavanesi, sia con chi per altri motivi avrà diritto al passaggio, come ad esempio medici, corrieri, posta, Cidiu, eccetera.

La data scelta per l’entrata in funzione della Zona a Traffico Limitato è gennaio 2019. L’amministrazione l’ha già comunicata ufficialmente dicendo che in realtà cambia poco dal passato perché prima, in determinate occasioni, si mettevano le transenne, dal 2019 non ce ne sarà bisogno perché ci penseranno le telecamere a controllare gli accessi.

Il Comune di Giaveno ha partecipato a un bando indetto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’installazione di ulteriori telecamere per il mantenimento del decoro, per la sicurezza e la tutela di alcuni luoghi particolarmente sensibili, non soltanto nel centro storico ma anche nelle borgate e in particolare in prossimità di edifici pubblici, parchi, aree verdi, scuole e via dicendo, per una richiesta totale di finanziamento di 910mila euro. A questo bando potevano partecipare solamente i comuni già provvisti di un sistema di sorveglianza. “In base all’esito, speriamo positivo, del bando, vi sarà una ricalibrazione del progetto dando proprietà ai luoghi pubblici e sensibili”.

Finto postino a Sangano, truffata pensionata e derubata di 5mila euro

Previous article

Notte Bianca a Giaveno sabato 28 luglio: il programma completo

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Giaveno