Rivalta

A tre settimane dai gravi atti vandalici, riaperta la piastra sportiva di via Trento a Rivalta

0

Bella notizia per tutti gli amanti dello sport. Sabato scorso, il 19 maggio, a Rivalta ha riaperto la piastra sportiva di via Trento. Una novità importante, resa possibile dalla convenzione tra l’amministrazione e la Polisportiva Atlavir di Rivalta che si occuperà della gestione dell’impianto, in primis dell’apertura e della chiusura giornaliera e della manutenzione ordinaria.

A fine aprile vi avevamo parlato della chiusura “forzata” dell’impianto che per l’ennesima volta era stato vandalizzato, in particolare i canestri del campo da basket e le porte del campo di calcio a cinque, oltre ad essere stata nuovamente sfondata la porta di accesso al piccolo fabbricato dell’impianto, porta già riparata più volte nel corso degli ultimi mesi. E il tutto dopo che, nella notte tra il 24 e il 25 aprile, era anche stato acceso abusivamente l’impianto di illuminazione. Insomma, l’amministrazione comunale aveva preferito chiuderlo che lasciarlo in balia dei teppisti. Per fortuna però, a tre settimane da quegli aventi, la piastra è stata nuovamente riaperta.

In queste tre settimane le attrezzature sono state riparate e i campi ripristinati.

“Siamo sicuri che grazie alla nuova convenzione si possa migliorare ancora di più l’utilizzo di una piastra polifunzionale adibita allo sport libero”, ha commentato l’assessore allo Sport del Comune di Rivalta Nicola Lentini, “occuparsi di un bene comune in questi tempi non è facile e anche per questo ringraziamo la società Atlavir per aver accettato di firmare una convenzione e di assumersi l’incarico di gestire e custodire un impianto comunale importante come è per noi la piastra di via Trento”.

Nonostante l’impianto sia stato dato in gestione alla Polisportiva Atlavir, non è fatta meno la possibilità per i cittadini o le società sportive che ne fanno richiesta per organizzare tornei e manifestazioni. Per poter usufruire dei campi da gioco nelle ore serali sarà però necessario comunicare la propria presenza ai gestori e provvedere alle spese per l’illuminazione.

«Sognavo di aprire un’ortopedia sanitaria da anni», Federica lo realizza con Il Pianeta della Salute

Previous article

Voragine tra Giaveno e Valgioie, bisognerà aspettare il primo giugno per i lavori

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Rivalta