Sangano

Ritrovato Giorgio, l’operaio di Sangano scomparso più di una settimana fa

0

E’ vivo e sta bene. Gheorghe Dehelean (detto Giorgio), operaio residente a Sangano e scomparso martedì 10 luglio da casa, è stato ritrovato. La notizia la dà direttamente la compagna Carmen su Facebook, il social network con cui aveva lanciato l’appello e aggiornato quasi quotidianamente sugli esiti delle ricerche. “Volevo ringraziarvi tutti, lo abbiamo ritrovato”, ha scritto alle 16.22, “vi ringrazio per tutta la vostra umanità che avete dimostrato in questo momento della mia vita. Vi abbraccio tutti. Grazie con tutto il cuore siete tutti speciali”.

Di lui si erano perse le tracce due martedì fa. Erano da poco passate le 6 di mattina quando Giorgio, che solo poche ore prima pare avesse avuto un litigio con la compagna, è uscito di casa senza portare con sé il cellulare né i documenti. Da quel momento nessuno ha più saputo che fine avesse fatto.

La notizia della sua scomparsa si è sparsa velocemente per la Val Sangone anche grazie all’appello lanciato da Carmen su “Chi l’ha visto?”, il noto programma televisivo della Rai. Ciononostante per oltre una settimana non si è trovato, nemmeno setacciando i boschi si è riusciti a trovarlo (alcune segnalazioni parlavano proprio di una fuga nei boschi). Poi c’è chi avrebbe raccontato di averlo visto prendere un autobus per Torino e un treno alla stazione di Porta Susa, verso il mare. Ed è proprio lì che è stato ritrovato da tutta la famiglia partita questa mattina alla volta della Liguria.

Oggi il ritrovamento e la felice notizia. Mancano ancora i dettagli, per il momento la famiglia si sta godendo il ritorno a casa di Giorgio e il numero usato fino a oggi per ricevere segnalazioni squilla a vuoto. Ci sarà tempo per sapere, l’importante è che tutto si sia concluso per il meglio.

Giaveno entra nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, tra i primi Comuni in Italia

Previous article

Riaperto il parco giochi di Villa Favorita, investimento di 38mila euro e nuove attrezzature

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Sangano