Giaveno

Scende di nuovo la neve, (questa volta) il Comune dà alcuni consigli ai cittadini

0

E’ tornato a nevicare e i fiocchi bianchi dovrebbero continuare anche nella giornata di domani. Viste le polemiche per la decisione di tenere le scuole aperte, e viste le tante strade rimaste ghiacciate nei giorni scorsi nonostante gli spazzaneve e gli spargisale attivi, l’amministrazione comunale di Giaveno ha fatto un memorandum ai cittadini su come comportarsi in caso di nuova precipitazione. Quella appena iniziata insomma.

Per facilitare la pulizia delle strade ed evitare rischi di incidenti e disagi alla circolazione, il Comune consiglia di parcheggiare preferibilmente la propria auto in aree private, cortili e garage, evitando di posteggiare lungo strade principali ed in aree pubbliche, così da agevolare le operazioni di sgombero neve ed eventuali interventi di soccorso, ridurre al minimo l’uso dell’automobile, moderare la velocità, mantenere la distanza di sicurezza, ed evitare moto o bici. Prestare particolare attenzione nell’avvicinarsi a incroci e rotonde. Non utilizzare l’auto se non si hanno in dotazione catene e/o gomme termiche. Usare cautela anche nella circolazione pedonale prestando attenzione, soprattutto in fase di disgelo, ai blocchi di neve che si staccano dai tetti, cornicioni o alberi. Nel liberare i propri accessi (carrabili e pedonali) si consiglia di riporre la neve spalata sul lato destro dell’accesso stesso per ridurre la quantità di neve che con il successivo passaggio i mezzi spazzaneve depositeranno sul fronte durante le operazioni di allargamento della carreggiata stradale.

Il servizio di sgombero delle neve è coordinato direttamente dal Comune ed è svolto, come abbiamo già detto, da mezzi spargisale e spazzaneve che sono operativi lungo percorsi prestabiliti nelle zone loro assegnate.

La moda del momento, case in affitto con Airbnb: quanto funziona nei comuni della Val Sangone?

Previous article

“I cittadini ‘contribuenti’ di Vilarbasse hanno segnalato indignati il disservizio di rimozione neve, eppure…”

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Giaveno