Funerale Luigi Libero RIvalta
La chiesa era gremita per l'ultimo saluto @valsangonelife.it
RivaltaSanganoTrana

In centinaia per l’ultimo saluto a Luigi Libero, l’addio con il rombo delle moto e il volo dei palloncini

0

Anche il rombo dei motori degli amici motociclisti ha salutato per l’ultimo viaggio Luigi Libero, il ragazzo di 26 anni morto nell’incidente stradale di Sangano. Una vittima della strada giovanissima, diventata papà da meno di due mesi della piccola Michelle avuta con la ragazza, Marika, diventata sua moglie appena tre anni fa. In chiesa a Pasta di Rivalta erano presenti entrambe. Uno strazio vissuto insieme a centinaia di persone tra familiari, amici e semplici conoscenti che non sono mancati nel giorno dell’addio. Oltre alle tante moto che hanno rombato per lui, sono stati fatti volare tanti palloncini azzurri verso quel cielo da dove ore Luigi protegge le persone che ama.

La piccola chiesa Gesù Salvatore era piena in ogni ordine di posto, in tantissimi sono dovuti rimanere fuori. Tante le lacrime per una morte prematura di un ragazzo che tutti hanno definito “perbene”. Faceva l’artigiano nella vita e viveva a Trana. Quel maledetto giorno era sulla sua moto e stava proprio rincasando ignorando che su quella provinciale Pinerolo Susa avrebbe trovato la morte. “Eri quel padre che ho sempre sognato di dare a mia figlia. Ti amiamo da morire”, scriveva la moglie Marika su Facebook qualche giorno fa. Poi il silenzio. A scrivere è stata la sorella di Marika, fino a ieri sera: “Nei momenti difficili guarda il cielo… e ricordati che c’è qualcuno lassù che non ti abbandonerà mai e ti darà sempre la forza di andare avanti”.

Il feretro di Luigi è rimasto a disposizione della magistratura fino a qualche giorno fa quando è stato dato il nullaosta per il funerale. Dall’ospedale di Rivoli è stato portato direttamente in chiesa e da lì al cimitero di Orbassano. “Gigi sei stato una figura importante per ognuno di noi.. di certo non sarà un maledetto incidente a portarti via dai nostri cuori e dai nostri pensieri! Ti voglio bene cognato e non riesco a credere che non ti vedrò più ma sono sicura che resterai sempre vicino a tua moglie e tua figlia che hai amato fin dal primo giorno”. Il pensiero della sorella di Marika.

Si apre il week end del Palio dei Borghi di Bruino. Tra le cinque borgate chi sarà la migliore?

Previous article

Sit in di sindaco e Giunta di Rivalta di fianco all’Eurospin: “Questa rotonda è pericolosa”

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Rivalta