Ospedale Sant'Anna
Rivalta

Battezzata la piccola Sofia ma resta gravissima: mamma Elena l’ha vista per la prima volta

0

La piccola Sofia è nata da quasi due giorni. Poco fa, all’interno del reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’ospedale Sant’Anna in cui è ricoverata da giovedì pomeriggio, è stata battezzata dal Pope ortodosso. Un momento a cui ha assistito anche la mamma, la diciannovenne Elena, che per l’occasione è stata accompagnata – rimanendo sempre coricata nel proprio letto ospedaliero – dalla direttrice dell’Anestesia e Rianimazione del Sant’Anna Evelina Gollo fino al quarto piano dove ha visto per la prima volta sua figlia. Un momento molto toccante. Presenti anche il papà ventenne di Sofia, i nonni e altri parenti. Subito dopo il battesimo la diciannovenne è stata riaccompagnata nella propria stanza del reparto di Rianimazione.

Condizioni gravissime per la bambina

Passata la seconda notte le condizioni della piccola Sofia rimangono stabili. La neonata è sempre molto grave e serviranno più giorni per capire qualcosa di più sui danni riportati. “Ha avito una grave sofferenza fetale”, ha detto il primario del reparto di Terapia Intensiva Neonatale Daniele Farina, “gli organi più colpiti sono stati il cervello, il rene, il fegato e il polmone”. La prognosi resta riservata e la piccola in ipotermia per cercare di recuperare i neuroni danneggiati. C’è da attendere per saperne di più.

Ritrovato uno specchietto compatibile

Sul fronte delle indagini c’è una novità. La polizia municipale avrebbe trovato uno specchietto di auto compatibile con la Fiat Stilo scura del pirata della strada che ha investito Elena a ridosso della rotonda tra Orbassano e Tetti Francesi. Un primo indizio che ha portato a contattare diversi carrozzieri per capire se il fuggitivo si sia rivolto a qualcuno per riparare il danno causato con l’incidente. In più la municipale sta continuando a visionare filmati delle telecamere, anche se per il momento – ma ce ne sono ancora da passare al setaccio – di quella auto ancora pare non esserci traccia.

Investe una 19enne incinta all’ottavo mese e fugge: da Tetti Francesi la caccia al pirata della strada

Previous article

Giro d’Italia a Giaveno, il video della festa e del passaggio dei ciclisti

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Rivalta