Concerti al buio Fabrizio Sandretto
Eventi Val SangoneSangano

“Concerti al buio di musica classica”, incredibile e imperdibile evento al castello di Sangano

0

Appuntamento assolutamente da non perdere venerdì sera al castello di Sangano. Fabrizio Sandretto, noto pianista non vedente, si esibirà con il suo “Concerti al buio di musica classica”, un evento con cui si vogliono esaltare le note musicali ascoltandole a luci spente. Un modo diverso di partecipare a un concerto messo in pratica per consentire a chi ascolta di entrare nel mondo del maestro Sandretto, un mondo fatto di luce interiore.

“Il senso di un concerto al buio libera la forma pura, al di là di ogni materialità, e trova corrispondenza tra lo spartito e lo stile”, raccontano gli organizzatori, “i concerti al buio invitano a unire sostanza e forma di un’identità varcando il confine materiale di vita, un concetto negoziabile e diverso da cultura a cultura, diverso per chi vede e chi vedere non può, non con gli occhi. Il linguaggio della musica e la corporeità del buio interagiscono sortendo un effetto di solidarietà armonica tra il maestro e gli spettatori che diventano compagni di esperienza”.

La comprensione del mondo interiore, al di là dei colori, superare le fragilità colma i vuoti dello spazio tra il maestro e lo spettatore, l’intrecciarsi tra le note e la vita diventa storia, la messa in scena di una mancanza è trasformata in arte, quella musicale che, partendo da un desiderio, arriva alla soddisfazione di un piacere, il coinvolgimento di sperimentare una realtà diversa e apprezzare meglio e totalmente il testo e l’interpretazione musicale. La traduzione in note di un percorso emotivo applicato ad uno spartito e le condizioni di buio avvicinano il Maestro al suo pubblico in un concerto che ristabilisce equilibrio tra le parti e la condivisione di ciò che manca, la vista e ciò che si prova, il piacere.

Il concerto, come detto, si svolge al castello di Sangano venerdì 14 giugno alle ore 21.

Fabrizio Sandretto, il pianista del buio

Fabrizio Sandretto è anche conosciuto come “il pianista del buio”. Classe 1980, è nato sotto il segno dello scorpione, forte e affidabile, riservato e sensibile, non vedente dalla nascita. I concerti al buio sono appunto la sua specialità. Dal suo entourage fanno sapere che la musica gli è sbocciata dentro alla nascita, lui l’ha riconosciuta, assecondata e seguita. Fu una sorpresa anche per la maestra che gli chiese quale strumento avrebbe suonato da grande. Fabrizio non aveva dubbi, quando uno nato sotto il segno dello scorpione ha una passione, un amore così grande e corrisposto, lo coltiva e lascia crescere.

Finto tecnico del gas, truffato e derubato un anziano in via Mameli a Rivalta

Previous article

Spartiti i seggi del Consiglio comunale di Giaveno: questi i consiglieri eletti

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply