Scuola Nicoletta Coazze
Coazze

Coazze: problemi di struttura alla “Nicoletta”, gli alunni delle medie tornano all’elementare

0

Gli alunni della scuola media “Giulio Nicoletta”, 173, saranno in parte spostati presso la primaria “Luigi Pirandello”, che ne ospita attualmente 122. Succederà a settembre a cinque delle attuali otto classi. Il motivo lo spiega il sindaco Paolo Allais: “La precedente amministrazione aveva chiesto e ottenuto un finanziamento di 545mila euro per la messa in sicurezza dell’edificio. Fin da subito noi, allora all’opposizione, avevamo fatto presente che a nostro parere non c’erano le condizioni per un adeguamento sismico di un edificio che ha le sue fondamenta in un torrente, il cosiddetto Rio d’Girenc”. Un fiumiciattolo ad alto rischio esondazione, lo stesso Piano regolatore definisce quell’area “a pericolosità geomorfologica a rischio elevato”. L’iter dell’incarico all’Ingegner Elena Ardito è proseguito finché dal Servizio Geologico di Pinerolo hanno chiesto delle verifiche, e si sono trovate delle anomalie nell’assetto del primo piano, inoltre per quanto riguarda le fondazioni nel rio intubato, erano già previsti dei rinforzi. Le solette del piano superiore non avevano i giusti spessori; per mettere a posto queste anomalie servirebbero altri 250mila euro.

“Come amministrazione allora ci siamo chiesti: è giusto spendere tutti questi soldi, che poi con i lavori in corso aumenterebbero fino a quasi un milione di euro circa, per mettere a posto una scuola che comunque rimane in un posto a rischio esondazione? E la risposta è stata: non ce la sentiamo”, continua il sindaco supportato dagli assessori Pierluigi “Pit” Dovis e Nicoletta Salvaia.

Essendo inoltre ormai noto lo stato della soletta, non è possibile autorizzare le lezioni in alcune aule, anzi è stata emessa un’ordinanza per l’inagibilità di parte della scuola. Così, contattata la direzione didattica dell’istituto comprensivo “Coazze”, la soluzione è stata quella di rinunciare, da parte della primaria, alle aule laboratorio e biblioteca per ospitare i “compagni più grandi”. Le tre aule che si trovano al piano terreno della media verranno invece usate previ alcuni lavori di consolidamento che saranno eseguiti quest’estate.

“Ci tengo a sottolineare che non devono esserci allarmismi da parte dei genitori perché non usando né il seminterrato né il primo piano, le aule che si utilizzano sono sicure”, prosegue Allais, che intanto ha iniziato a verificare in Regione se il finanziamento può essere utilizzato per costruire una scuola nuova.

Senonché un nuovo edificio richiede un terreno di almeno 4000 metri quadri, che il Comune non ha, di cui si può coprire soltanto un terzo, e occorre considerare che per ogni aula vanno conteggiati 275 metri quadri (perché si contano anche in percentuale corridoi, bagni, ingressi, locali di servizio). Il costo per le sei aule si aggirerebbe sui 2.644.000 euro, ma come detto il finanziamento è di 545mila. Sei e non otto perché Coazze non intende più “ospitare” tutti gli alunni giavenesi che ha oggi: nelle future prime su 64 iscritti soltanto 32 sono coazzesi.

Ma non è finita: siccome la scuola materna privata “Asilo Prever” nell’omonimo edificio, gestita dalla Casa di Carità Arti e Mestieri, ha palesato di voler chiudere l’attività stante le minori iscrizioni e in generale il calo demografico, il Sindaco Allais ha chiesto al suo sfidante Dino Tessa, Presidente dell’asilo, di poter procedere a un’ipotesi di progettazione di scuola media in quella sede. Comunque, per l’anno scolastico 2019-2020 il Prever continuerà la sua attività, anche per non perdere la sezione primavera, molto importante per chi ha figli tra i due e i tre anni.

Quindi, se tutto va bene, i fondi verranno convogliati sulla trasformazione del Prever in scuola media, altrimenti bisognerà cercare altri finanziamenti per costruire una scuola nuova. “Ho comunque convocato una commissione politica per informare gli altri candidati sindaci e il rappresentante di Coazze Democratica di quanto avviene, e continuare a dialogare con loro”, conclude Allais.

Iniziano gli interventi a Bruino: messi due dossi in strada del Meisino, ad agosto la riasfaltatura

Previous article

Si rifiutano di riaprire il locale per una bottiglietta d’acqua, picchiati due kebabbari a Pasta di Rivalta

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

More in Coazze